Blog Image

Sta crescendo lo spazio occupato dall’invoice trading, soluzione a cui sta rivolgendo la propria attenzione un numero crescente di investitori istituzionali. Origination e due diligence sono due fattori chiave per accedere a una asset class difensiva in fase di contrazione del ciclo economico.

A partire dalla crisi finanziaria del 2008, l'evoluzione della regolamentazione e un quadro di rischio più cauto fanno sì che le banche siano riluttanti a concedere prestiti alle piccole e medie imprese. Di conseguenza, le PMI hanno dovuto rivolgersi a strumenti alternativi.

Una questione pressante per gli investitori di oggi è il significativo aumento del capitale destinato ai fondi che hanno la missione di disintermediare il tradizionale canale di finanziamento corporate di matrice bancaria. La quantità capitali in attesa di impiego in Europa è ai massimi storici.

La contestuale necessità di mitigare il rischio di credito e la concorrenza per le opportunità di investimento fa sì che l’individuazione e la selezione di opportunità di investimento sia più importanti che mai per gli investitori.

In tale prospettiva, è fondamentale avere accesso alle migliori opportunità di investimento. La possibilità per l’investitore di poter scegliere la migliore controparte consente di costruire in modo ottimale il portafoglio di investimento.

Un processo di origination ottimale include un network di contatti che lavorano nel settore aziendale, inclusi advisor, revisori dei conti e consulenti fiscali e legali. Anche se il flusso di opportunità generato da tale canale non è molto regolare, esso fornisce alcune opportunità idiosincratiche che diversamente potrebbero non essere portate all'attenzione dei grandi finanziatori.

Come consueto, è essenziale che l’investitore conduca un'analisi dettagliata di ogni opportunità, intraprendendo un'analisi finanziaria e commerciale completa per accertare il rischio di un evento di credito negativo. L'analisi va effettuata da una prospettiva top-down e bottom-up. La ricerca deve fare luce sulle dinamiche più ampie dell'industria, come la sensibilità al ciclo economico, il livello di concorrenza, e le questioni normative rilevanti. Tuttavia, è essenziale comprendere anche il modello di business, la resilienza di questo e il suo profilo finanziario. Ulteriori considerazioni sono la struttura proprietaria dell’impresa e il team di gestione, elementi di fondamentale importanza per la gestione dell'azienda.

In un mondo a basso rendimento, l’invoice trading offre un'opportunità convincente per gli investitori in termini di rendimento del rischio, con un sostanziale azzeramento della duration.

A nostro avviso, i cambiamenti strutturali che hanno portato alla nascita dell’invoice trading come classe di attività sono destinati a permanere. L’invoice trading non va visto come una forma di allocazione del capitale a breve termine o un'operazione commerciale spot, ma piuttosto come un'opportunità di allocazione a lungo termine in una classe di attività molto interessante e in crescita.

Come tutte le classi di attività, anche i crediti commerciali presentano rischi intrinseci. Questi includono il rischio di credito sotto forma di inadempienza del debitore, un tema assai significativo per i finanziatori durante i periodi di contrazione del ciclo economico. In una fase economica di recessione, l’invoice trading costituisce un investimento difensivo rispetto ad altre classi di attività comparabili, dato che i crediti commerciali offrono bassa duration, decorrelazione con i mercati finanziari e yield di tutto rispetto, con la flessibilità di ricorrere all’assicurazione del credito e alla frequente rotazione del portafoglio: un insieme di caratteristiche difficilmente individuabili in altre asset class.